INTRAPPOLATI

INTRAPPOLATI

Regia : Piermaria Cecchini

Sceneggiatura : Piermaria Cecchini

Ipotesi Cast: Piermaria Cecchini – Francesco Paolantoni – Katia Ricciarelli – Biagio Izzo

La pre-produzione inizierà a primavera-estate 2020. il primo ciak è previsto ad ottobre 2020

L’uscita nelle sale è programmata per la primavera 2021

SINOSSI

Il crimine non paga.

A questa conclusione è giunto Giovanni alla soglia dei 60 anni: una gloriosa carriera da scassinatore bruscamente interrotta subito dopo aver messo a segno il colpo della vita. Anni di galera mentre pensava che il Topo, il suo complice, si stesse godendo i soldi in Guatemala. Ma il Topo è ladro sì, ma vero amico, e Giovanni riceve una lettera nella quale gli comunica che la sua metà è ben nascosta nell’autosalone del fratello. La lettera contiene anche una sorte di codice con le indicazioni per trovare il “tesoro” e, uscito dal carcere, Giovanni si attiva per recuperare il malloppo. Peccato che l’autosalone ha chiuso da tempo e al suo posto ora ci sia un supermercato.

La sera della vigilia di Natale. Preciso e puntiglioso, Paolino il cassiere è sempre l’ultimo a lasciare il lavoro, tanto che il direttore si approfitta della sua disponibilità per correre a casa dalla sua famiglia. Paolino si attarda con Franco, ex animatore di villaggi turistici ormai ridottosi a reclamizzare panettoni vestito da Babbo Natale, e non si accorge che Guido, la guardia giurata, sta chiudendo il supermercato: le luci si spengono e un rumore metallico si fa strada nel silenzio del supermercato… Le saracinesche si stanno abbassando!

Franco si lancia verso l’uscita con un improbabile balzo felino ma, pur volendo credere che in passato una mossa del genere gli sarebbe riuscita, purtroppo lui Indiana Jones non lo è mai stato e quando azzarda a rotolarsi sotto la serranda, ottiene solo un doloroso strappo muscolare.

Paolino corre a spalmarsi contro la vetrata chiamando ad alta voce Guido, che si allontana nella notte

Paolino e Franco però non sono gli unici clienti fuori orario: nel bagno c’è Simona; entrata per cambiarsi, è rimasta tutto il tempo al telefono litigando con Marco, il suo amante con il quale avrebbe dovuto incontrarsi e che invece le ha dato buca per passare il Natale con la moglie.

La telefonata è durata tanto e lei non si è accorta del tempo che passava, fino a che il cellulare non le è caduto nel water e lei è uscita in lacrime per scoprirsi anche lei rinchiusa nel supermercato.

Ma non è finita. Mentre si aggirano per i corridoi illuminati solo dalle lampade di emergenza e dalla luci di Natale i quattro si accorgono che nel reparto vini, completamente incurante di quello che stava succedendo c’è Katia, una facoltosa signora veneta, famosa ex cantante lirica e attrice, che sta scegliendo il vino da portare alla cenone di Natale a cui è stata invitata da un importante produttore discografico.

Impossibilitati a usare i cellulari, i quattro si recano nell’ufficio del direttore per chiamare aiuto ma si ritrovano di fronte a una sorpresa: Giovanniha scelto proprio quella sera per recuperare i soldi nascosti dal Topo e loro rappresentano un intoppo non previsto nel suo piano. Armato di pistola, li prende in ostaggio e li obbliga ad aiutarli nella sua stralunata caccia al tesoro.